UN ANNO SENZA ANNA

(15/11/2009, ore 17:59)


L’ultima
volta che l’ho vista era il 6 novembre 2008, più di un anno fa. Se
allora qualcuno mi avesse detto che avrei resistito tanto tempo senza
vederla, non gli avrei creduto e infatti nei primi tempi sono stato
malissimo. Ho versato tutte le mie lacrime, ho cercato in ogni modo di
parlarle e di incontrarla, sempre senza successo.
Ma i giorni
passano, il tempo medica le ferite e ora di lei mi restano gli stessi
bei ricordi uniti, però, alla consapevolezza che quanto più a lungo
durerà la nostra lontananza e tanto più imbrobabile sarà l’eventuale
riconciliazione. Se addio dovrà essere vorrei almeno poterla salutare
un’ultima volta; non è giusto che un’amicizia bella come lo è stata la
nostra finisca nel momento in cui uno dei due decide di innalzare un
invalicabile muro di silenzio.
In questo periodo nella mia vita sono
cambiate molte cose, sotto l’aspetto affettivo, professionale,
personale, e ogni volta che mi trovavo a vivere una nuova esperienza il
mio pensiero correva a Anna, pensando a come avrebbe preso la notizia.
Le avrebbe fatto piacere? Mi avrebbe dato dei consigli? O non gliene
sarebbe fregato niente? Dalle sue parole, in quelle rarissime occasioni
nelle quali sono riuscito a contattarla, la più verosimile appare
proprio questa terza ipotesi. Non è bastato nemmeno regalarle i miei
due libri per farle abbassare la guardia, e questo nonostante in
entrambi si parli (anche) di lei e l’ultimo glielo abbia esplicitamente
dedicato citandola a pagina 3, prima di iniziare il testo vero e
proprio.
Se riuscissi a considerarla solo una stronza per me sarebbe
facilissimo dimenticarla e continuare la mia vita come se non ci
fossimo mai incontrati, ma purtroppo la realtà è diversa. Dentro di me
ci sono dubbi irrisolti, nodi che solo Anna potrebbe sciogliere se
soltanto accettasse di dedicarmi mezz’ora del suo tempo. Da quando io e
lei non ci frequentiamo più ho incontrato altre persone umanamente
molto più valide, che nonostante gli inevitabili malintesi che
caratterizzano ogni rapporto hanno accettato di rimettersi in gioco
accettando il dialogo senza scappare di fronte a uno scenario lontano
anni-luce dalla realtà. Recentemente Anna mi ha detto: "Io sono fatta così, quando qualcuno mi fa un torto con me ha chiuso"
e questo complica ancora di più la mia missione perchè devo scoprire
quale sia il tasto giusto da toccare. Un tasto che io non ho ancora
trovato e addirittura la stessa Anna non sa che esiste. Continuerò a
cercarlo, perchè non posso prendere in giro me stesso e il prossimo
ricominciando daccapo prima di aver messo definitivamente una pietra
sopra al passato.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Amici. Contrassegna il permalink.

2 risposte a UN ANNO SENZA ANNA

  1. Roberto ha detto:

    Ciao Cristiano,
    Tanti anni fa, nel lontano 1997, ho frequentato Anna Bichisao per qualche mese. In seguito non ho più avuto sue notizie. Ieri sera mi sono venute in mente alcune persone del mio lontano passato e mi è venuta la curiosità di scoprire che fine hanno fatto. Cercando il nome di Anna su internet non ho trovato alcun riferimento, se non le fotografie e i post su questo tuo blog. Da quanto leggo, la vostra relazione è terminata da tanti anni e non nel migliore dei modi…e probabilmente anche tu non hai più sue notizie. Però se per caso tu avessi un suo contatto diretto o sapessi qualcosa di lei, mi potresti avvisare? Grazie!
    Scusa il disturbo e buona giornata.
    Roberto

    Mi piace

    • crimarzor ha detto:

      Innanzitutto grazie! Il tuo commento é il primo ricevuto da quando ho aperto questo blog quasi dieci anni fa.
      Io e Anna23 (é il nickname che usava sul forum calcistico in cui ci siamo conosciuti) non abbiamo mai avuto una vera e propria relazione. Per qualche mese siamo stati ottimi amici sfruttando la nostra comune passione per l’Inter e il tifo per Materazzi, ma lei era fidanzata e anche se a me piaceva molto non ci ho mai seriamente provato. A un certo punto, da un giorno all’altro, da parte sua qualcosa si é rotto ma non ho mai avuto il piacere di sapere cosa, quindi dopo qualche anno di sofferenza e sfoghi pubblicati su questo sito come una sorta di “messaggi in bottiglia” ci ho messo definitivamente una pietra sopra. Di lei, oltre ai ricordi sempre più sbiaditi, mi sono rimasti i numeri di telefono. Non so se siano ancora validi e per ovvie ragioni di privacy non posso scriverli qui. Se ti interessano contattami privatamente via e-mail o facebook (i miei riferimenti li dovresti trovare nella sezione “Chi sono”) e te li comunicherò. A presto.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...