LO SBIRRO CENSURA IL PRESIDENTE


(21/1/2009, ore 13:22)

Due
sere fa mi trovavo alla Comuna Baires, un locale di Milano ispirato alla
cultura e tradizione sudamericana, che proprio per questa sua caratteristica
annovera spesso fra i suoi ospiti giocatori e dirigenti dell’Inter.
Lunedì
sera era annunciata la presenza di Javier Zanetti, e io intendevo sfruttare
l’occasione per avvicinarlo e parlargli dell’imminente uscita del mio libro su
di lui. Per una volta il mio ruolo non era quello del semplice tifoso
cacciatore di autografi e foto ricordo, ma quasi di “addetto ai lavori”. Non
fosse stato così mai e poi mai avrei partecipato alla serata dopo la scoppola
rimediata a Bergamo il pomeriggio precedente.
Purtroppo
il Capitano non ha potuto presenziare a causa di altri impegni, e così come in
campo al suo posto è arrivato Ivan Ramiro Cordoba. Ma soprattutto c’era Massimo
Moratti, ospite d’onore in occasione della presentazione di un libro che
illustra la sua figura di uomo e di dirigente.
In
attesa della cena, la serata prosegue fra aneddoti interessanti e chiacchiere
inutili, fino a quando il presidente viene chiamato sul palco per tenere un
breve discorso alla platea che aspettava solo questo momento per riservargli
gli onori del caso. E qui arriviamo al momento del fattaccio…
Parole
testuali del massimo dirigente nerazzurro: “Io non sono mai stato
particolarmente adorato dagli Ultras; si tratta di persone che a volte hanno un
modo di comportarsi dannoso per la società, ma a loro riconosco di essere
dei veri tifosi appassionati dell’Inter
. Il che significa che aldilà del
comportamento poco condivisibile ci accomuna l’amore per la nostra squadra
”.
Belle
parole, soprattutto in un periodo (ormai piuttosto lungo, ahimè) in cui
le Curve vengono fatte passare per il male assoluto del calcio
italiano. Io
stesso non sono affatto morattiano, ma per una volta l’applauso mi è
venuto
spontaneo, e il giorno dopo mi sono precipitato su http://www.inter.it per
rileggere la trascrizione di quell’intervento che mi aveva tanto ben
impressionato. Grande è stata la mia sorpresa quando ho scoperto che
quel
passaggio era stato completamente omesso dal testo, come se mai fosse
stato
pronunciato. Eppure l’ho sentito con le mie orecchie!
Il
mistero è durato poco. È bastato fare due chiacchiere con qualche bene
informato per apprendere che è stato Stefano Filucchi in persona, il
responsabile della sicurezza del F.C. Internazionale (quindi dipendente di
Moratti) a permettersi di censurare un intervento del suo datore di lavoro allo
scopo di non fare “buona pubblicità” al suo nemico numero uno: la tifoseria
organizzata. Quella stessa tifoseria organizzata che, allora nella veste di
capo dell’osservatorio, egli cercò (invano) di lasciare fuori dallo stadio il
giorno di Parma-Inter, la partita-scudetto. “Complimenti”, “complimenti”
davvero, “signor” Filucchi… Lei è davvero bravo a insabbiare le verità
che non Le fanno comodo!

Se
questo è l’atteggiamento mafioso e in malafede di chi dovrebbe garantire
la sicurezza e la correttezza del calcio, ora e sempre LUNGA VITA AGLI ULTRAS!
Certo, magari ogni tanto parte qualche razzo, un coro razzista, o viene esposto
uno striscione “politicamente scorretto” (tipo quello sequestrato per motivi
tuttora ignoti che recitava: “C’è solo l’Inter”, vero?), ma almeno loro (anzi,
noi!) diciamo le cose come stanno, e mettiamo sempre la faccia, anche a costo
di essere ingiustamente diffidati con ragioni a dir poco pretestuose. Ad altri
invece risulta molto più comodo nascondersi dietro un distintivo di latta.
Uomini di merda!

Oddìo,
“uomini” si fa per dire…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e politica. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...